importante!

attezione! l'url del blog è cambiato! non è più nicozbalboa.blogspot.com (anche se questo indirizzo funziona ancora) MA www.arty-mom.com!
quindi se siete arrivate/i al blog tramite il vecchio url .blogspot sappiate che alcune funzioni della pagina potrebbero non funzionare.

Followers

mardi 11 janvier 2011

la prossima volta lo dico

oggi ero al parco con Mina, alle altalene più precisamente. anzi, alle altalene di Villa Paganini, proprio davanti alla scuola Montessori, se proprio devo essere precisa e didascalica.

sono anche entrata nella scuola, per chiedere un po' di informazioni ma non vi volevo raccontare questo. vi volevo raccontare di una mamma molto carina incontrata alle altalene e di una cosa che avrei voluto dirle ma che non gl'ho detto. allora la scrivo qui, magari lei non lo leggerà ma io mi sarò levata il grillo.

questa mamma di un pupino di 18 mesi (e di uno più grande che però alle altalene non c'era) era sfiancata dalle notti insonni del suo pupo. il suo pupo si sveglia ogni nanosecondo e lei e il marito sono distrutti. il pupo si sveglia perché vorrebbe andare nel lettone e ogni tanto ci va pure ma loro vorrebbero abituarlo a far diversamente e allora lo lasciano piangere per un'ora e lui si riaddormenta piangendo. loro in camera loro, il primogenito in cameretta e il piccolo in salotto.

un'ora di pianti mentre ognuno è chiuso in camera sua. immagino un'ora di strazio per il piccino ma anche per i genitori.

(chi legge questo blog sa come la penso ma sa anche che ognuno a casa sua fa come vuole. e le notti insonni non hanno mai aiutato nessuno a vivere bene, e ognuno deve trovare la soluzione che funziona meglio per la propria famiglia. poi un po' ne avevo parlato qui).

insomma, io volevo dire una cosa ma non l'ho detta perché ho sempre paura di risultare settaria, o fissata o lassista. però la dico a voi:

"ma non è più appagante e dolce passare un'ora nel lettone per farci addormentare il proprio pupino invece che rimanere ognuno nella sua stanza a sentir piangere l'altro?"



come dicevo non gliel'ho detto. e forse ho fatto bene perché lei avrebbe, giustamente, potuto rispondermi:"ma fatti i ca**tuoi!"

però cazzo avrei potuto almeno consigliarle Gonzàlez! lui avrebbe parlato molto meglio di me e avrebbe liberato questa mamma -in difficoltà- dall'impasse.

mannaggia perché sono così nerd e incapace di comunicare oralmente? argh!

---update---

mercoledì 12 gennaio 2010:
un piccolo update perché vi volevo dire che oggi ci siam incontrate io e Donatella (leggere questi commenti^^) a quelle altalene (apparte GRAAAZIE per le stoffe che mi hai regalato, le adoro! non sai quanto! mi sono proprio commossa!) e ad un certo punto è arrivata la mammina in questione! io non avevo tanto il coraggio di dirle qualcosa ma Donatella mi ha un po' confortato dicendomi "ma sì scusa, dille che ci hai un po' ripensato sù". allora sono andata da lei e le ho detto "senti ho un po' ripensato a quello che mi hai raccontato e vorrei davvero consigliarti un libro che potrebbe davvero aiutarti. a me ha cambiato la vita!"
ed è vero, non m'ha mandato a cagher, anzi siam rimaste io lei e Donatella a parlare di Gonzàlez e perfino delle pecche del metodo Estivil! il tutto mentre spingevamo i nostri pupini sulle altalene.
sono contenta di com'è andata e magari questa mamma s'è sentita un po' meno sola :-)

29 commentaires:

Tiziana a dit…

solo a leggere sta scena strazio del bimbo che si addormenta piangendo... piango anch'io!
non credo sarei brava e rispettosa come te, vero che son cose delicate, e non dico che sia da sbottare... però cavolo che tristezza

forse, anche a rischio di non dire troppo bene, è meglio cmq dire, se una si offende amen (più difficile con un'amica o conoscente), magari poi però ci pensa

Sara a dit…

forse non sei "nerd e incapace di comunicare"

forse di fronte a queste situazioni ci si fa qualche scrupolo in più...

voglio dire:
ci vuole così tanto a capire che in certi casi sarebbe meglio dormire assieme? (dico "in certi casi" perchè non ho la pretesa di dettare regole per chiunque..)

ua donna (e suo marito) che si stanno rovinando il sonno, che lasciano piangere il figlio per ore, con tutto quel che comporta per loro e per lui, che si oppongono con tale forza a una cosa naturale, spontanea e rassicurante sia per i genitori che per il bambino...
quante e quali idee profondamente radicate nel loro vissuto stanno impedendo loro di vedere cosa chiede disperatamente il loro bambino?

per arrivare a non vedere l'ovvietà, immagino che ci siano delle barriere mentali così forti e radicate, che mi chiedo se un consiglio, o la lettura di un libro, possano risolvere una situazione così-

è chiaro, non è un motivo per non parlare! magari potrebbe essere l'imbeccata che dà la svolta a tutto-
me lo auguro ogni volta-

però a me è capitato più di una volta di sentire madri disperate per cose simili ("mio figlio vuole assolutamente il mio latte.. ma ormai ha 8 mesi! i denti per mangiare ce li ha! è così testardo!") ho provato ad argomentare ma spesso mi rendo immediatamente conto che c'è un muro di idee preconcette e resistenze più o meno inconsapevoli (o pressioni familiari: nonne, suocere.. che poi spesso è un tutt'uno con l'educazione ricevuta) che non permettono di guardare la situazione dal punto di vista del bambino, o semplicemente di considerare altre ipotesi.

allora mi limito a raccontare la MIA esperienza, ricevendo in cambio occhi strabuzzati ed espressioni di orrore (ebbene sì, quando mia figlia piangeva perchè non voleva stare nella carrozzina, io LA PRENDEVO IN BRACCIO! se vuole il latte GLIELO DO'! ecc..) e mi rendo conto di come -in alcuni casi- testimoniare che si può crescere i propri figli ANCHE senza trasformarsi in generali dell'esercito, non faccia che confermare i peggiori incubi di queste persone, che finiscono per pensare: "ecco! se lo lascio dormire una volta nel lettone, finirò come questa qui che ce l'ha ancora addosso dopo 2 ANNI!"
:(...

che magari non era il caso della mamma che hai incontrato tu, però insomma posso immaginare che a volte di fronte a una così violenta negazione dei bisogni di un bambino, l'interlocutore possa rimanere un po' spiazzato..

donatella a dit…

Io ci tornerei a villa Paganini magari alla stessa ora, potresti incontrarla di nuovo e darle un prezioso suggerimento dei tuoi (a me hai salvato la vita con il libro della sciura Pantley... GRAZIE). E se decidi di tornarci fammi sapere, abito lì così conoscero' la mia mamma nerd,blogger,artista preferita ;D

nicoz a dit…

grazie dei consigli donzelle. allora secondo voi av rei dovuto dir qualcosa??? grrr.....
ci penso sempre dopo :-)


donatella, io vasdo lì tra al massimo un'oretta!!!! c si vede?
:-)

donatella a dit…

Cacchio ho letto adesso la tua risposta uffaaaa!
Che dici ci proviamo domani mattina?
Almeno se incontriamo la signora glielo diciamo insieme ehehehe!

nicoz a dit…

okkey a domattina!!! io alla fine oggi ci son arrivata verso le 11e15 :-)

ho pure incontrato una tipa fichissima che tiene la nipote di un'amica. una irlandese che ha 57anni e ne dimostra 40 e che in mezz'ora mi ha spiegato come fare il pane e il latte di mandorla. proprio carina! :-))

ska a dit…

E' un argomento di cui mi sono trovata a parlare spesso in questi giorni: Flavio nel sui lettino non ci vuole più passare nemmeno mezzo minuto! Mi sono resa conto che, nell'opinione generale, il nostro metodo è considerato "la via più semplice ma non risolutiva". Quindi, per rispondere alla tua domanda, non ci vedo nulla di male che tu dica a quella mamma come la pensi o che le dia consigli, anche perché alla fine se una si sfoga poi si aspetta consigli o un confronto (anzi, direi addirittura che non ha il diritto di dirti di non farsi i cazzi suoi se ha cominciato lei a raccontarteli), ma per lasciare piangere un bimbo di un anno e mezzo da solo nel suo lettino in mezzo a un salone deve essere proprio convinta di quello che fa. Mia cognata mi raccontava di un suo amico che pontificava di voler fare così quando sarebbe stato padre, e che in effetti così ha fatto, e ora si vanta del fatto che suo figlio non ha mai passato mezz'ora nel lettone, anche a costo di pianti disperati.
Il fatto è che queste persone credono che cedendo avrebbero un p' più di respiro ma otterrebbero sulla lunga distanza la iattura del figlio che fino a 10 anni sta nel lettone. E comunque devo dire che anche io ragionavo così prima di diventare mamma, e alla fin fine, pure se pratichiamo il co-sleeping, è un po' pure il mio timore. E spesso le nostre notti, fra calci nei reni, pugni in faccia, urla che squarciano il silenzio e persino CADUTE DAL LETTO (mi ero premunita per i lati, ma non credevo che sarebbe caduto ... da piedi!) somigliano molto poco al quadro di Klimt. Se devo essere sincera, vorrei tanto tornare alla situazione dei primi 7 mesi, quando Flavio si addormentava nel letto con noi, ma poi, trasferito nel suo lettino accanto a noi, ci stava tutta la notte anche 9/10 ore senza colpo ferire, per tornare poi la mattina presto ad accoccolarsi per il suo lattuccio e a riaddormentarsi assieme a noi. Come del resto vorrei pure che almeno un'oretta potesse sopportare di stare nel passeggino e farmi un po' tirare il fiato. Ma mai a costo di lasciarlo sfiancarsi di pianto.
Però ti dico davvero che conosco famiglie in cui due figli dormono a letto con la mamma e il papà se ne è emigrato per disperazione nella stanza dei bambini, e ciò un po' mi terrorizza. Già la situazione di adesso è una bella botta per la mia vita sessuale...

nicoz a dit…

ska hai ragione! sarà che io ho fatto i conti solamente con mina che, apparte qualche addormentamento matto, è più o meno calma e coccolona mentre dorme. ma mi sa perché è una femmina, non tanto per essere sessista ma proprio per i racconti avuti da amiche mamme (dovremmo aprir l'argomento sul forum!).

pero' io di base quando intendevo dire "addormentarlo nel lettone invece di piangere per un ora2 intendevo proprio quello!

cioè se il pupino vuole addormentarsi nel lettone, perché non farlo e poi riportarlo a letto suo? troppa fatica? a me stancherebbe...e levo l'"ebbe" perché è oggettivamente così: a me stanca di più sentir piangere mia figlia che dovermi alzar dal letto.
:-)

cmq una volta pure mina è caduta, noi abbiam da due lati il muro (in testa e da un lato lungo) e ai piedi per una parte abbiam messo un mobile di ikea. ma lei una volta ha SCAVALCATO me (lato "vuoto") e ha fatto un flip 360 ed è fortunatamente (w la casa incasinata) ricaduta su una bottiglia di PLASTICA d'acqua mezza vuota che era "coricata" accanto al letto (oramai facciam il cosleeping con qualunaue cosa^^)
PERO' NON DORMIVA, era sveglia e cercava di evadersi al mattino mentre io ronfafo alla grande. da quel giorno pero' HA IMPARATO A SCENDERE DAL LETTO :-D chissà come mai...hihihihi!!!

pandora a dit…

:)
la penso come te, si sa...ma chissà, forse mi sarei fatti i cavoli miei anche io per non incappare in equivoci con le mammine da parco, specie che tra l'altro non amo particolarmente...
ps: dopo il tuo vecchio post su Carlos Gonzàles ho girato tutte le librerie di firenze alla ricerca di questo libro. nulla! basta, lo ordino su internet!!!

nicoz a dit…

se non ami le mamine da parco è perché probabilmente nn 6 mai incappata nelle mammine da parco FRANCESI!!!! sono terribili, se attacchi bottone t guardano come se fossi matta. e nn fanno un sorriso manco a pagarle.
qui a roma devo ammettere che è tutto diverso, ho incontrato solo mammine, papini e babysitter carine!!!! è una cosa italiana o solo romana??? ora mi sono incuriosita :-)


io ieri ho preso (in libreria) quello di gonzàlez sull'allattamento. spettacolare.

Carciofo e Cavolfiore a dit…

è dificile dire ad una mamma come comportarsi anche se mi rendo conto che a me rompono sempre le balls perchè teniamo la piccola sempre in braccio. Paradossalmente se sei un genitore affettuoso ti invitano a non viziare troppo il pupo, se invece lo fai piangere per un'ora poi non devi permetterti di dire che non si fa per non urtare la sensibilità della mamma... bo? ma il mondo è alla rovescia??? se ti capita parla pure di gonzalez, puoi solamente dire che ha dei buoni metodi per far dormire i bimbi (è molto neutro come consiglio perchè non specifica il metodo ahahaha)

pandora a dit…

ma come??? Gonzàles qui non risulta proprio...solo un adorabile tipo alla feltrinelli ha fatto una ricerca su internet perchè non gli andava giù di non averlo ;) e poi mi ha consigliato spassionatamente di acquistarlo su internet! e io lo farò :)
per quanto riguarda le mammine da parco la mia insofferenza è dovuta al fatto che il 90% di quelle che ho incontrato io da quando marghe è nata a ora (27mesi) aprono bocca per dire frasi tipo "uh, bellina...lo fa ciaociao con la manina? no??? eh...sarà stanca...il mio sa già contare con le dita!!!" "cammina? no??? allora gattona? noo??? eehhh...strano...il mio correva così tanto che non gli stavi dietro!!!" "ma parla? no??? ah. la mia a 9mesi diceva nome e cognome e anche l'indirizzo di casa sa?!"
...
io dico, la marghe sarà faticona ma loro sono insopportabili!!!
io odio le mammine.

roberta a dit…

ciao, intanto volevo dirti che il tuo blog mi piace tantissimo:ho passato l'ultimo mese a leggere il diario della gravidanza mentre "bambolavo" petra nella fascia per il riposino.. mi spiace averti letto così in ritardo, certe cose mi sembrava che avrei potuto dirle io! poi ti confesso che quando sono arrivata alla nascita di mina, mi sono commossa alle lacrime (ma quanto durerà questa labilità emotiva delle neo madri?).
poi, per la qustione del parco..anch'io mi sento spesso impacciata, dato che mi sembra che se do un consiglio spesso ottengo il risultato opposto.. però ho un po' in mente che questi bambini si meritano una possibilità, e anche le loro mamme, così di solito, dico come faccio io, oppure pongo delle domande innocenti tipo"e perchè non lo fate addormentare nel lettone" e alla risposta, e se si abitua?!? rispondo tipo"ma sarà così grave?" oppure "ma sarà peggio di così?". insomma ci provo. e qualche volta ho visto qualche viso stupito/riconoscente che non criticavo o dicevo che me ne frego e le mie figlie dormono con me perchè MI PIACE. ecco, ciao intanto.

nicoz a dit…

ciccine vi volevo dire che oggi ci siam incontrate io e donatella (leggere questi commenti^^) a quelle altalene (apparte GRAAAZIE per le stoffe che mi hai regalato, le adoro! non sai quanto!)e ad un certo punto è arrivata la mammina in questione! ed è vero, non c'ha mandato a cagher, anzi abbiam un po' parlato di gonzàlez e perfino delle pecche del metodo estivil!

sono contenta e magari questa mamma s'è sentita un po' meno sola :-)

donatella a dit…

;D
Quando si parla col cuore si fa sempre centro!!!
Grazie per la bella mezzoretta, siete fantastiche!

donatella a dit…

;D
Quando si parla col cuore si fa sempre centro!!!
Grazie per la bella mezzoretta, siete fantastiche!

nicoz a dit…

grazie a te e a quella pagnottina d'amore di tuo figlio :D

per domani allora è confermato, alle 17e30 allo YETI, al pigneto (dovrebbe esser yeti.org)
se t va di venir fammi sapere. io vorrei addirittura provar un piazzabologna/pigneto a piedi. o allora mi fo' prestar la macchina da miamadre (se può)
:-)

Anonyme a dit…

io al contrario faccio fatica a tenere a freno la lingua e ad ogni mamma dico la mia, consiglio libri, forum, opuscoli, siti e non mi faccio mai i capperi miei.
poi estivill e in generale tutti quelli che si vantano di possedere Il Verbo e Il Metodo per allevare i bambini (e ci fanno pure business) mi stanno immensamente sul culo e non riesco a trattenermi dal dirlo.
invece ricordo una scenetta a villa torlonia proprio di fronte a villa paganini, quando il pupillo aveva 3 mesi o giu di li.
ero stravolta dalle notti insonni ma anche dale maledette coliche e una mamma mi voleva convincere a dargli "le algin0r" per calmarlo.
usava il femminile plurale perchè secondo lei erano "le goccine" magiche e non c'è stato modo di farle entrare nella zucca che il suo pupo si appisolava perchè le dava il bromuro e non perchè "le alginor" agissero sulla causa del disturbo.
ho provato un enorme senso di frustrazione ma era proprio una battaglia persa così ho mollato l'osso e me ne sono andata.
:(

swimmingpoolmum

alessia a dit…

parli delle Mamme francesi ma anche quelle Inglesi nn scherzano!!Durante la gravidanza mi sono sentita disperatamente sola e quando ho avuto Gaia e ho cercato in ogni e modo e maniera di allacciare un qualche tipo di dialogo con delle mamme inglesi(anche per avere dei consigli) attaccando bottone.al parco ad esempio, niente mi guardavano come se fossi matta!!!Alla fine mi sono messa su internet e ho trovato un sito chiamato mamme italiane a londra!
poi ho torvato lavoro in un negozio di bimbi tuo Eco-friendly e quindi ho avuto piu occasione di trovare mamme disposte anche a farsi 5 minuti di chiacchiere,e ad alcune di loro, francesi, ho suggerito anche il tuo blog :P
A parte questo, con la nana per dormire ho trovato molto semplice per lei e per me farla dormire nel lettone e poi metterla nel suo letto, e se si fa tutta una tirata e vuole rimanere nel suo letto bene, altrimenti cerco di capire perchè piange...alcune volte ha perso il ciuccio( eh si..noi lo usiamo :( ) altre ha fame e altre vuole toccarmi il viso e se vedo che a questa necessità per dormire la soddisfo, me la riprendo nel letto con me e lei si addormenta di nuovo e se io el fra tempo nn sono svenuta la rimetto nel suo letto altrimenti felicemente abbracciate ci risvegliamo. Io nn je la posso proprio fa(come si dice a Roma) a sentirla piangere mi si spezza il cuore, e se devo dir la verità le due notti che precedono i giorni in cui lavoro e so che nn la vedrò praticamente tutto il giorno( anche se è con il padre)mi piace ancor di piu averla con me...ma mi accorgo che notte dopo notte,anche se continua ad addormentarsi con me, preferisce dormire nel suo lettino... :(

E va bene così... a dit…

che cosa carina che hai fatto... se ti va di passare anche dalle mie parti... abito a bergamo, vogliamo parlarne della chiusura dei bergamaschi???
giuppy

nicoz a dit…

swimmingpool oddio le gocce per dormire???? ma che davvero????????
èssì in questo sarei anch'io un po' scioccata e intransigente perché mi sembra una pazzia!!! per tutto il resto non so, ognuna ha il suo percorso... e magari ci sono mamme che non fanno diversamente perché non sanno che si possa far diversamente. magari con l'imbeccata giusta gli si puo' aprire un mondo :-)

alessia il cicuccio! beata te! io c'ho provato a darlo a mina :P e nn l'ha mai voluto! aaargh!

E va bene così che posso dirti dei bergamaschi??? basta dirti che il mio vero cognome è ZANCHI? :D
i mei due nonni paterni son di berghèm. anzi uno di serate e l'altra di gandellino <3
e io capisco anche il bergamasco ma non lo parlo :-)

Tiziana a dit…

ah che bello che l'abbiate trovata! avevo sognato la renna parlante che mi diceva "manda nicoz in missione per conto diddiooo" (come i BB), ma tra una roba e l'altra non son più passata di qui

che ridere pandora che odia le mammine :) io un po' la capisco, sarà per quello che quando esco per le passeggiate mi vien istintivo svoltare per i campi? e sì che sono un tipo socievole eh! ma ad es. a me una di 57anni che ne dimostra 40 e in mezz'ora mi spiega come fare il pane e il latte di mandorla... mi farebbe PAURISSIMA :)

nicoz a dit…

ahahahaha! in efffetti sì. pero' era proprio carina sta tipa irlandese :-)

E va bene così... a dit…

ma non ci credoooooo!!!!
quando vieni a riscoprire le tue radici???
;))

donatella a dit…

Buon rientro bambole... andrò a sentire come sta quella mamma e spero di darti buone notizie ;D ...
Un bacino alla cirullina da parte di Meña (é così che Massimo dice il suo nome)!!!

nicoz a dit…

evabenecosi' ma sai che nn c son mai stata! purtroppo!

donatella un bacio anche a te! ci vediamo a maggio <3

Marcella Brancaforte a dit…

saluti da una mamma illustratrice ed ex allattatrice,le ho allattate ognuna fino a quasi tre anni,va tutto bene, ora son cresciute,sono due bellissime ragazze,autonome e responsabili (non abbiamo fatto mai neanche una notte in bianco,nè quando erano piccole nè ora che iniziano a uscire da sole e vanno alle feste e se danno un orario, ganrantito che tornano) ,insomma, mamma è bello sempre, allattare è una delle più belle invenzioni del mondo e dà le basi per una maternità ( e paternità) affettuosa e responsabile.

nicoz a dit…

marcella ho dato un'occhiata ai tuoi blog! che bei lavori e che belle iniziative! appena ho cinqueminuti5 ti linko :D

Marcella Brancaforte a dit…

nicoz, per caso ho incontrato i tuoi lavori sul web,e mi piacciono molto molto molto,ti linko subito anche io ,altrochè...!
conosco bene le scuole montessori di roma, con i bambini dai 3 ai 5 anni nel 2009 e nel 2010 abbiamo illustrato i miti greci e i bambini erano una meraviglia.bellissima e intensa esperienza. un privilegio conoscere le e gli insegnanti montessori,lavorare con loro è stato un privilegio, e anche avere la conferma che ... "un altro mondo è possibile".

questo messaggio è per te che non commenti MAI:


amatissim@ lurker, potresti ogni tanto lasciare un commentino cosi' da non farmi sentire proprio sola & derelitta in questa landa desolata che è internet?
(ringrazio di cuore tutti quelli che gi à i commenti li lasciano, grazie per far si che questo blog non si trasformi in un tumblelog)

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...