importante!

attezione! l'url del blog è cambiato! non è più nicozbalboa.blogspot.com (anche se questo indirizzo funziona ancora) MA www.arty-mom.com!
quindi se siete arrivate/i al blog tramite il vecchio url .blogspot sappiate che alcune funzioni della pagina potrebbero non funzionare.

Followers

lundi 18 avril 2011

cosa sono i "periodi sensibili" per Maria Montessori? (aka vivi pericolosamente)

scusate se non ho risposto a dei commenti ma ho pochissimo tempo per stare al computer questi giorni perché -come buttavo li' vagamente sull'altro post- sto facendo (cominciando) una formazione Montessori (infatti ora sono le 6 di mattina, ho messo la sveglia un'ora prima perché volevo proprio scirvervi!) .
un formazione per accompagnare i piccolini da 0 a 5 anni che dura una settimana in full immersion per approfondire questa pedagogia che mi affascina tanto e per poter accompagnare Mina in un modo più Montessoriano possibile. bon, a quanto pare le radici del pupino e il suo senso dell'ordine si formano nei primi due anni di vita, periodo in cui l'ambiente che lo circonda (emotivamente e fisicamente) dev'essere ordinato e spoglio (anche se gradevole). ok, per questa prima tranches diciamo che ho fallito perché non è che io sia proprio la regina dello zen e del feng-shui. ci rifaremo poi?

scherzi a parte, una cosa che davvero mi piace dell'approccio di Maria Montessori è la libertà del bambino (una libertà ordinata dal suo ordine interno e non un'attività scalmanata e incoerente), mi piace poter seguire Mina mettendogli a disposizione tutti gli attrezzi (non solo "materiali") per poter riuscire a fare da sola. intervenire il meno possibile, anche quando cade, anche quando litiga con altri bambini o quando al supermercato o per strada vuole toccare tutto. ammetto che a volte la pressione sociale (o quella che CREDO sia la pressione sociale) mi fa ritrovare a dire frasi di circostanza tipo (al supermercato) "no mina non toccare" o (al parco giochi) "mina quel monopattino è della bambina". non ci credo neanche io e appena pronunciate le parole già mi pento.

un'altra cosa che mi affascina nel metodo Montessori sono i "periodi sensibili" cioè dei periodi in cui il bambino è davvero pronto a scoprire un certo argomento piuttosto che un altro.
non serve a nulla insegnare a leggere, a vestirsi, a contare, ad allacciarsi le scarpe (o non so che altro) ad un bambino che non vuole farlo. Maria Montessori ha osservato i bambini in maniera scientifica prima di trovare un metodo, che non è un metodo campato in aria ma il diretto risultato della sua osservazione. osservando i nostri piccini potremo accorgerci se in un certo periodo son più sensibili all'uso delle forbici, del coltello, della pala da giardinaggio o delle costruzioni. e, soprattutto per le cose pericolose come coltelli e forbici, sarà più efficace mostrare e spiegare l'utilizzo di questi materiali per saziare la loro curiosità piuttosto che aspettare che usino questi oggetti di nascosto senza conoscerne l'utilizzo vero e prorpio.

ed è proprio concedendomi un po' di sana apprensione-da-mamma che mi sono comunque lanciata in quest'avventura Montessoriana. perché, non so voi, ma io in quanto adulta avevo un po' l'abitudine d'avere il controllo della situazione. e invece pian piano ho dovuto accettare che mia figlia è una persona, una persona che sa che vuole e sa cosa fare. ed è una persona che in questi ultimi giorni aveva una passione (un periodo sensibile!) per tutto ciò che son coltelli, coltellini..coltelloni! allora ho preso il coraggio a quattro mani e le ho lasciato tagliare la rapa e le salsiccette di tofu e spinaci per fare l'insalata. e non è che le ho tenuto il coltello per tagliare, come abbiam fatto fino ad ora, no no! le ho fatto vedere una volta come si faceva (mooolto lentamente) e poi le ho lasciato il coltello e il tagliere mentre io accanto facevo una frittata. lei ha tagliato la rapa e il tofu (più o meno regolarmente) e li ha pure messi nel contenitore.

ancora una volta mi sono fidata di Mina e c'ho solo guadagnato. è una sensazione stupenda fidarsi di lei (come mi sono fidata di lei quando ho iniziato ad allattare a richiesta nonostante lo stress e le domande che mi facevo).





17 commentaires:

Sara a dit…

per me che non ho mai veramente letto nulla della montessori, è molto confortante leggere i tuoi post in proposito!!!
alma cerca di usare il coltello da quando ha un anno, a tavola ha un coltello "vero", tutto in acciaio, ma per bambini, quindi non taglientissimo, con il nonno di heidi! XD
...anche lei ha fatto pratica col tofu! (e col didò) :D
le forbici gliele ho sempre lasciate usare, tagliuzza foglie, pota piante, giornali interi ridotti a coriandoli finora senza incidenti-
ma la sua preferita è la cassetta degli attrezzi: martello, chiodi, cacciaviti- per lei è una festa-
lì un po' la sorvegliamo, ma sotto sotto spero che presto sarà lei a montarmi le maledette mensoleeee!!!
molto interessante il discorso dei momenti sensibili, avevo notato qualcosa di simile quando ha cominciato a comporre frasi: non voleva più uscire di casa (per una settimana)- come se stesse studiando tantissimo e non potesse perdere tempo a distrarsi.. una volta perfezionata la tecnica, ha voluto uscire come sempre!
GRAZIE PER QUESTI POST! <3

giulia a dit…

uuuhhhhh che bello!!! si si tienici aggiornate che siamo avide di consigli montessoriani!
noi proprio ieri sera abbiamo avuto un confronto sul coltellame, vittoria mi ha visto tagliare una mela e apriti cielo! se non le davo mela e coltello cascava il mondo :)
il mio era davvero troppo affilato e la mela troppo dura, così alla fine abbiamo optato per il suo coltellino ikea x bambini e lei si è messa lì a maciullare un pezzetto di mela tutta concentrata.
cmq, a parte questi aneddoti di mamma...:) quanto è vero quello che dici sulla fiducia! con noi sta andando con il sonno. Vittoria è diventata bravissima ad addormentarsi da sola nel letto, anche se vado in un'altra stanza, piano piano staccandosi dalle mie braccia e dalla mia presenza. è stato graduale, ma è stata lei a indicarmi di volta in volta 'come dovevamo fare' per dormire.
attendiamo impazienti aggiornamenti! :)
w MM !

ska a dit…

La mia esperienza mi porta a dissentire, almeno per mio figlio: con lui non funzionano coltelli surrogati (abbiamo pure noi quelli di Ikea ma non gliene frega nulla), vuole proprio quello che stiamo quando noi, e quando riesce a prenderlo gioca con la lama o comincia a correrci per casa. Per il resto, anche noi lo lasciamo giocare con cose considerate "pericolose" da tutti, che quando lo vedono fanno due occhi tanti e ci rimproverano.
Comunque non capisco il problema di dire "non toccare" o "il monopattino è della bambina". E bada che lo chiedo senza polemica: dov'è il problema? Secondo me è bene che il bimbo sappia che fuori casa non tutto è lecito o a sua disposizione solo perché fisicamente raggiungibile. La cosa del monopattino invece mi trovo anch'io a dirla e a non volerla dire: non vorrei dirla perché mi piacerebbe che l'altro pupino fosse pronto a condividere come fa mio figlio (che finora è piuttosto generoso), ma mi sa che anche quella del possesso è una tappa del loro sviluppo. D'altronde anche noi non siamo pronti a condividere il giornale o la macchina col primo venuto, specie se non ce l'ha prima chiesto. No?

sara a dit…

per quanto riguarda il discorso monopattino, vi mando una "cartolina" in proposito:
qui a berlino tutti vanno al parco coi giochi per la sabbia, bici, tricicli, palle ecc... e tutti giocano regolarmente coi giochi degli altri-
nessuna mamma batte ciglio, perchè... sono i bambini stessi che si avvicinano educatamente ai proprietari dei giochi (o ai genitori dei proprietari, se sono più vicini) e molto educatamente chiedono:
"scusi posso usare i vostri giochi?" *__*
..e quando devo andare via prima di loro, e mi devo riprendere tutto, non solo nessuno piange o strilla, ma mi aiutano a raccoglierli tutti e metterli a posto!!! @_@.. in italia mi ricordo un po' diverso....

sara a dit…

per quanto riguarda il discorso monopattino, vi mando una "cartolina" in proposito:
qui a berlino tutti vanno al parco coi giochi per la sabbia, bici, tricicli, palle ecc... e tutti giocano regolarmente coi giochi degli altri-
nessuna mamma batte ciglio, perchè... sono i bambini stessi che si avvicinano educatamente ai proprietari dei giochi (o ai genitori dei proprietari, se sono più vicini) e molto educatamente chiedono:
"scusi posso usare i vostri giochi?" *__*
..e quando devo andare via prima di loro, e mi devo riprendere tutto, non solo nessuno piange o strilla, ma mi aiutano a raccoglierli tutti e metterli a posto!!! @_@.. in italia mi ricordo un po' diverso....

Anonyme a dit…

ma come funziona questa formazione? chi la fa? è a pagamento?
se si, quanto costa?
quante ore sono in totale?
poi ce passi gli appunti per bignamizzarci?

una swimmingpoolmum muy curiosa

ska a dit…

Senti Sara, va bene l'indiscusso superiore senso civico crucco che evidentemente si manifesta sin dalla più tenera età, ma vuoi davvero farmi credere che questi piccoli biondi bimbi teutonici sono così avanti da riuscire a formulare una educata richiesta con tanto di "scusi" e "per favore" dal momento stesso in cui sono in grado di avvicinarsi spontaneamente ai giochi di un proprio simile? Perché mio figlio a parte "mamma", "papà", "ste" (stelle), "a'" (caro) riesce solo a blaterare un "eccheeee" indicando qualcosa, suppongo per dire "quello", e l'ultima volta che ha fatto così avvicinandosi al monopattino di una bambina più grande questa ha cominciato a strillare come un'aquila e poi ha ripreso il monopattino con cui non stava giocando e ha cominciato a girare attorno a mio figlio, e dubito che sia stata una lezione di educazione... :)

nicoz a dit…

hola donne! grazie dei commenti! finalmente, giovedi' mattina, riesco a sedermi e a rispondere! ma come cazz fanno le mamme che tutto il giorno stanno in ufficio (per es) ad aver una vita fuori? io torno alle 7 distrutta! argh!

rispondo alla rinfusa.

ska, flavio c'ha ragione, come tutti i pupini vuole il coltello vero! mica "ce li freghi" e alla fine meglio cosi' no? :-)

quando dicevo "nn toccare" al super o "il monopattino è della pupa" al parco, intendevo che ha volte (almeno io) dico certe cose di riflesso "per nn passare da lassista frikkettona". ma se mia figlia al super tocca le scatole che male c"è? nn dico che deve rompere tutto è?(quello è un fatto di rispetto). e per quel che riguarda il parco...io devo dire che la lascio smerdarsi da sola. prende e da giochi come le pare...cioè i pupi se la devono sbrigare tra loro. pero' nn c'è niente da fare, capita che certe volte la mamma proprietaria della pupa e quindi del monopattino in questione(^_^) ci guardi un po' malino perché nostra figlia invade il suo/loro territorio. nn vi è mai successo? è un'attitudine solo francese?

sara i pupi al parco di berlino sono i miei esempi! tutti nudi wild totaly!!!!!! li adoro!

swimming-pool la formazione è diviza in 4 parti. la prima parte dura una sett ed è dalle 9alle5 (che poi sn sempre le 6eMezza). è da 0a5anni e costa 375. poi ci sono le altre 4 dislocate durante l'anno. io son andata qui ad un'oretta d macchina da la rochelle. ma so che ne faranno una pure a lyone e a bordeaux.

baaciz
(scusate i mille errori^^)

ska a dit…

No, no, se tocca le scatole che male c'è?! Io devo bloccare Flavio quando di fronte a tanta varietà di forme e colori è preso da raptus di distruzione dovuti ad entusiasmo! Però pure io lo lascio toccare finché è tranquillo: ieri ad esempio ero in cartoleria a fare le fotocopie e a mezzo metro di altezza da terra c'era una scaffale pieno di giocattoli: stavo cercando di bloccarlo, quando mi son detta che se li hanno piazzati lì per attirare l'attenzione dei piccoli, devono pure aspettarsi che ci giochino anche senza comprarli. Anche lui per strada tocca tutto: sta in fissa per i sassolini che mettono nelle aiuole attorno agli alberi, e mentre lui ci giocava ho sentito una mamma che rimproverava il bimbo (più o meno 1 anno e mezzo come Flavio) perché aveva toccato... un palo! Se l'è portato a casa per lavarlo! Poi ho riflettuto che magari era per paura della pipì dei cani e io sono una punkabbestia, però mi è sembrato davvero un tantinello esagerato.
L'episodio capitato a me col monopattino comprendeva un nonno molto zelante nel difendere il gioco della nipotina, con tanto di "a regazzi?, nun tocca', eh?". Quand'è così me lo devo portare via, ma devo dire che finora ho incontrato in media più mamme tranquille, e d'altronde pure Flavietto è molto generoso. Però se l'altro bimbo dà in escandescenze se defraudato intervengo per evitare discussioni.

laura sss a dit…

Brava nicoz, diffondi un pò di cultura montessoriana. Io sono una di quelle mamme che sta in ufficio dalle 9 alle 16 (a volte anche fino alle 19..) e la sera sono distrutta, ormai non riesco neppure a leggere un libro per intero, quindi grazie per le dritte che riesci ad infilare nei tuoi post.
Senti, ma intento che vai al corso non è che puoi approfondire il discorso "regole/capricci" (intendo regole di rispetto reciproco per una sana convivenza) e "gelosia tra fratelli"? Adoro i miei figli, ma a volte mi sento alla frutta. Prmetto che amo il concetto dei bimbi liberi (di esplorare, di fantasticare, di sbagliare e anche di dire no), ma a volte la situazione mi sembra davvero ingestibile, diego non vuole mai fare quello che gli diciamo (vestirsi, lavarsi andare a dormire ecc..), prima di ottenere qualcosa ci vogliono secoli e taaaanta pazienza, e ci sono momenti in cui in modo del tutto gratuito tortura sua sorella (la spinge, la picchia, le ruba i gochi). La cosa frustrante è che ora anche nina lo imita e quindi la sera ci troviamo in casa non una, ma ben due scimmie urlatrici!
Spero ci siano dritte anche per questa situazione!
Buona Pasqua donne!

Marcella Brancaforte a dit…

siete bravissime. io posso solo confermare che il metodo montessori e l'allattamento a richiesta ...funzionano eccome. la consulenza della leche league mi aiutò tantissimo ,a casa ho sempre messo in pratica molti consigli montessoriani,per tutte e due le mie figlie. metti le basi solide per una genitorialità entusiasmante anche oggi...adesso che ho figlie adolescenti!le "basi" messe insieme in quegli anni ( che sono quelli dei vs figli ora) hanno creato tra noi un legame affettivo forte e al contempo,una indipendenza solida,in loro e una fiducia in me e in mio marito,nell'imparare a lasciarli correre con le loro forze.
quando sei piccolo ti dò il coltello, so che lo imparerai a usare,non ti dico "non sei capace,faccio io".ora metaforicamente e a un livello diverso...è lo stesso! la vita di genitori vissuta così può essere solo forte e creativa. e grazie nicoz di questo spazio.

nicoz a dit…

ska ma infatti nn c'è nulla di male. purtroppo pero' i parchetti italiani e quelli francesi sono un po' diverso. almeno per quello che ho visto io...qui ognuno sta per le sue. nn si crea quella "cosa" tra mamme che mi è capitata di vivere al parchetto a roma....

laura credo di aver capito che TUTTI i pupi sono SCIMMIE URLATRICI. mia figlia pure lo è, e per ora è figlia unica! sai che ti consiglierei!?i libri di faber & mazlish! http://www.amazon.it/gp/redirect.html?ie=UTF8&location=http%3A%2F%2Fwww.amazon.it%2Fs%3Fie%3DUTF8%26search-alias%3Daps%26ref_%3Da9_sc_1%26qid%3D1303800827%26field-keywords%3Dfaber%2520mazlish&tag=art070-21&linkCode=ur2&camp=3370&creative=24114

purtroppo nn esistono in italiano.
leggi l'inglese? http://www.amazon.it/gp/product/0743525086/ref=as_li_ss_tl?ie=UTF8&tag=art070-21&linkCode=as2&camp=3370&creative=24114&creativeASIN=0743525086

senno' sul primo link che ti ho messo c'è pure in spagnolo.

oltretutto hanno proprio scritto un libro sulle rivalità fratellosorella!!!!!
qui: http://www.amazon.it/gp/product/0380799006/ref=as_li_ss_tl?ie=UTF8&tag=art070-21&linkCode=as2&camp=3370&creative=24114&creativeASIN=0380799006

che oltretutto, nn voglio dire fesserie, ma mi sembra PURE TRADOTTO IN ITALIANO!
http://www.amazon.it/gp/product/887684113X/ref=as_li_ss_tl?ie=UTF8&tag=art070-21&linkCode=as2&camp=3370&creative=24114&creativeASIN=887684113X

FAMMI SAPERE! :-)


grazie a te mrcella della testimonianza!!!!!!!!!! mi conforta quello che racconti :-)

laura a dit…

nicoz... grazie!!!
stasera faccio un giro su amazon e poi ti so dire.
PS ho già letto anche il tuo nuovo post montessoriano, molto interessante.
baciiiiii

laura sss a dit…

Nicoz, grazie. Mo vado su Amazon a rovistare..

ps: bellino il nuovo post montessoriano, penso comunque che applicherò qualche variante (o svarione!!)per aumentare la flessibilità del metodo (non penso che se rimanessi in silenzio mentre mostro una qualsiasi attività a diego avrei vita lunga, siamo della fase della chiacchiera perenne e sarebbe in grado di sfiancare anche un muro..!!)

ora vado un pò in "libreria"...

laura sss a dit…

pps: stasera memore dei tuoi insegnamenti ho lasciato che diego infilasse da solo (ma con la mia supervisione!) tutte le prese elettriche alla sua portata, compresa la stufetta elettrica del bagno, refuso di quest'inverno, così ci siamo lavati i denti con 40°C, anche questa scienza montessoriana giusto?!?

nicoz a dit…

grazie a te laura!
bah guarda quella cosa di non parlare è utile perché fa concentrare il pupo sui tuoi movimenti leeeeeeeeeeentissimi. e puliti. vedrai potrebbe stupirti!
PERO', c'è un pero', nn va dimenticata la fase d'interesse del pupo. cioè se nn gliene fotte nulla di quello che gli spieghi/mostri potresti farlo pure cantando...vedrai che nn ti darà retta. e magari ti farà pure innervosire.

rpima regola (per me, eh!) è l'essere ZEN. prima d spiegare fai un suuuper respirone profondo tipo monaco buddista.

e w i 40° montessorianiii :°°°°D

Dani a dit…

Ciao, ho aperto un gruppo facebook di genitori montessoriani, mi piacerebbe se ti iscrivessi! Anche tutti i genitori interessati che ti seguono. http://www.facebook.com/groups/mammemontessoriane/
Ho anche un blog sull'argomento Montessori www.noiemariamontessori.com
Dani

questo messaggio è per te che non commenti MAI:


amatissim@ lurker, potresti ogni tanto lasciare un commentino cosi' da non farmi sentire proprio sola & derelitta in questa landa desolata che è internet?
(ringrazio di cuore tutti quelli che gi à i commenti li lasciano, grazie per far si che questo blog non si trasformi in un tumblelog)

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...