importante!

attezione! l'url del blog è cambiato! non è più nicozbalboa.blogspot.com (anche se questo indirizzo funziona ancora) MA www.arty-mom.com!
quindi se siete arrivate/i al blog tramite il vecchio url .blogspot sappiate che alcune funzioni della pagina potrebbero non funzionare.

Followers

jeudi 29 septembre 2011

Rudolf Steiner e la scuola Waldorf


quest'estate sono stata ad un incontro organizzato dall'associazione Bouts de Ficelle su Rudolf Steiner e le scuole a pedagogia Waldorf. c'erano queste due insegnanti Steineriane che hanno parlato un po' di questo approccio. vi snocciolo qui i miei appunti, se volete aggiungere qualcosa o correggere o integrare qualche concetto: siete i benvenuti nei commenti!

all'inizio ho scritto:
1) natura umana
2) evoluzione della coscienza
3) atto d'apprendere
(ma non mi ricordo perché^^)


l'essere umano è formato da 4 corpi:
  1. il corpo fisico / minerale
  2. corpo eterico / forza vitale e vitalità / vegetale
  3. corpo astrale o animico / emozioni / animale
  4. me / facoltà di pensare / individualità
0-7 anni:
il corpo fisico nasce incompleto ed è quindi il corpo eterico che compensa fino a (+o-) i 7 anni
-organi sensoriali / imitazione / coscienza del movimento-

7-14 anni:
corpo astrale
-autorità / scoscienza dei sogni / vivere attraverso le immagini / piacere estetico per le belle immagini-
insegnare quello che si è e solo poi la teoira ed il contenuto

14-21 anni:
me
-riflessione / risveglio della coscienza / emozioni forti (adolescenza)-


attività tipiche del giardino d'infanzia:
  • materie nobili e giochi "non finiti" per lasciare spazio all'immaginazione (legno, tessuti)
  • racconti e attività
  • età miste (0-7 anni)
  • tempo libero per giocare
  • tempi per mettere apposto dopo ogni gioco
  • ancora racconti
  • pasto
  • riposino
  • gestire i conflitti con dolcezza
  • dipingere sulla carta bagnata (solo colori, nessuna forma)
  • quando i bambini cambiano i denti cominceranno a fare disegni più regolari
  • attività ritmate dalle stagioni
  • lavorare la lana
  • tricot con le dita per la motricità fine (e imparare a contare)
un nuovo insegnamento ci mette 3 giorni ad essere immagazinato

euritmia per associare i suoni alla lettera dell'alfabeto

negozio pentagram per giochi di legno


attività da fare a casa:
  • la tavola delle stagioni
  • una cesta con tessuti e legno
  • evitare d'avere troppe attività extrascolari
  • quando si torna da scuola ci si rilassa calmi sul divano
  • quando le giornate si accorciano fare delle lanterne

insomma lo so, avrei potuto fare delle vere frasi. ma credo che gli appunti siano comprensibili no?
comunque per approfondire, online si trovano molti suoi libri. io per ora ho letto solo questo.

per finire aggiungo una cosa che è stata ribadita durante l'incontro e che non ho scritto negli appunti: l'insegnante non deve proporre nulla al bambino ma lo deve lasciare libero (un po' come la montessori) ma (a differenza della Montessori!) non da neanche gli elementi per poter imparare se il bambino ne dovesser aver voglia (contare, leggere etc) fino ai 7 anni perché reputa che non sia il momento visto che il/la bambino/a è ancora nella sua fase di corpo eterico.

questa è la parte che mi lascia un po' perplessa... cioè il mantenere il bambino in un mondo di elfi e fate (sono importanti i racconti delle scuole Waldorf) senza proporre altro. cioè con l'euritmia imparano le lettere e con i lavori a maglia a contare...ma poi? senza mettere nella classe una mappa, un libro, un materiale per contare? ammetto che da Montessoriana convita questa cosa mi sciocca un po'.

voi che ne pensate? qualcuna può forse darmi più informazioni per risolvere i mei dubbi? consigliarmi un libro?

12 commentaires:

valentina a dit…

A me piace molto la cosa hce i bimbi non imparano a leggere e a contare ma giocano molto , inventano , colorano e disegnano...credo molto nella fase del corpo eterico del bambino e anche se sono totalmente profana (ho letto solo cose qui e là)mi piace molto questo concetto di trasmettere tutto attraverso le favole..penso ch ei bimbi avranno tempo di imparare nozioni più complesse quando andranno le elementari....è solo un mio pensiero però, non ho letto libri specifici, ripeto è tutto frutto di letture estemporanee qui e là, però nello stesso tempo è una filosofia che mi affascina molto!

valentina a dit…

Oddio..perdona l'italiano, ma a quest'ora sono veramente cotta!!!!;))

ska a dit…

Penso che questi appunti li possa capire solo chi li ha scritti o chi già conosce la materia.
Quindi da ignorante quale sono non mi azzardo ad esprimere un giudizio, anche se l'impressione che me ne viene è di una certa rigidità.
Comunque molto terra terra butto lì anche ai tempi miei (nostri) alla materna non si imparava a leggere (forse a contare... boh), ma sinceramente non vedo cosa possa togliere al resto imparare a farlo. Flavio è un vero bibliofilo ed immagino che le lettere gli siano così familiari che prima o poi vorrà provare pure lui a "tirarne fuori" le storie.
Comuque Steiner è paro paro a Jeremy Irons In Lolita :0

Alabama a dit…

Io posso dire che ho imparato a leggere a 3/4 anni e ne vado fiera!! :DDD

valentina a dit…

secondo me la questione è che non è una cosa negativa imparare a leggere o scrivere prima dei 5/6 anni ma il fatto di "costringere"i bambini ad imparare...penso che steiner si riferisse a delle eventuali forzature da parte degli adulti....perchè secondo lui prima di allora i bimbi devono essenzialmente giocare e imparare dal gioco...la stessa cosa vale per le mille attività extrascolastiche che spesso vengono proposte ai bimbi dopo la scuola appunto...non devono essere troppe da impedire al bambino di giocare liberamente ed eventualmente riposarsi seguendo un ritmo non serrato.

ska a dit…

Io come ho detto non conosco praticamente nulla di questa pedagogia, ma negli appunti di Nicoz si dice chiaramente "anche se il bambino ne dovesse aver voglia". Per il resto non posso che esser d'accordo con te.

nicoz a dit…

cmq l'età media di un bambino per imparare a leggere È 3 o 4 anni! lo dice la montessori!

ci sono pupini che addirittura lo fanno da soli (alabama?) e altri che invece chiedono e avrebbero bisogno di un aiuto che spesso non arriva perché alla materna non si fa.


niente di male eh!? che pure se impari a leggere a 6 o 7 anni non muore nessuno.


ma il problema è la fatica di imparare a 6 anni quando un pupo nel suo "periodo sensibile" à 3 o 4 anni ce la fa in una settimana max 15gg!

il fatto è che la Montessori ha OSSERVATO i bambini, c'ha vissuto insieme e ha adattato il suo metodo in base a loro.

non a caso sono scuole "montessori".

mentre non esistono scuole "steiner" perché lui ha solo dato la TEORIA per i figli di quelli che lavoravano alle aziende WALDORF :-)


ovviamente quando dico WALDORF non parlo di BLAIR, eh! :°D

Alabama a dit…

ah, vedi... che fica la montessori...
i miei non erano montessoriani né niente ma mi leggevano (credo) tante cose e io a un certo punto ho proprio cominciato a chiedere di insegnarmi... e mia madre dice che quando ho imparato a leggere (topolino) mi lamentavo perché non leggevo veloce come lei e volevo essere capace!! :DDD

E cmq quando dico che ho imparato così presto la gente non ci crede e mi dice SEEEEE! Uffa!! :(
(invece la Montessori SA TUTTO!!! :D)

nicoz a dit…

esatto! e tu adesso quando nn ci credono gli citi la Montessori e gli fai pure 'na pernacchia! :°D


(e cmq si', Steiner sembra HUMBERT HUMBERT...mh... :o)

mammatac a dit…

mi fa sorridere il vedere che facciamo un percorso simile!!! noi abbiamo appena preso il libro di steiner, aurelia va alla montessori, ma qui in svizzera anche le steineriane sono molto comuni. e dato che gli asili e materne costano una cifra, volevamo sondare un po' le possibilità. steiner per ora sta sul comodino, ma ho un'amica che ha due figli (a venezia) nella steineriana ed è contentissima. io devo dire che per ora con la montessori ci troviamo benissimo. aurelia ha 18 mesi ha aperto la sua "finestra" sulle lettere dell'alfabeto. ora a 23 mesi legge lettere e numeri, e MAI l'abbiamo forzata a leggere o ad avvicinarsi all'alfabeto. lettere magnetiche sul frigo, lettere di legno su un vassoio di legno in camera e carte con lettere e disegni (di nicoletta costa). tra poco ci toccherà decidere sul kindergarten, e sull'asilo della numero 2...uff, quante responsabilità! grazie per condividere tutte queste cose :)

Matteo a dit…

Dev'essere considerata una costrizione quella di fornire ai bambini i mezzi e le giuste motivazioni per imparare, qualcosina eh, mica a calcolare la velocità di un neutrino, ai bimbi prima dei 7 anni? Mi pare un'esagerazione.

Anonyme a dit…

Vi sto leggendo con 4 anni di ritardo...
Per chi è interessato, basta dare un occhiata qui:
http://www.rudolfsteiner.it/scuola/index.php

questo messaggio è per te che non commenti MAI:


amatissim@ lurker, potresti ogni tanto lasciare un commentino cosi' da non farmi sentire proprio sola & derelitta in questa landa desolata che è internet?
(ringrazio di cuore tutti quelli che gi à i commenti li lasciano, grazie per far si che questo blog non si trasformi in un tumblelog)

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...