importante!

attezione! l'url del blog è cambiato! non è più nicozbalboa.blogspot.com (anche se questo indirizzo funziona ancora) MA www.arty-mom.com!
quindi se siete arrivate/i al blog tramite il vecchio url .blogspot sappiate che alcune funzioni della pagina potrebbero non funzionare.

Followers

mardi 25 octobre 2011

stimolare la lattazione (per mamme che hanno partorito e per mamme che non l'hanno fatto)

per stimolare la lattazione, quando si è partorito, la cosa più immediata e semplice da fare è allattare più frequentemente possibile (in una posizione corretta). o tirare più frequentemente il latte (se magari il pupino è prematuro o non so che).

il latte (di tutti i mammiferi) contiene un ormone che si chiama FIL (dall'inglese "feedback inhibitor of lactation" ovvero "inibitore retroattivo dell'allattamento"*) che impedisce la produzione di latte. e come mai? perché quando la tetta è piena di latte, e quindi piena di questo ormone FIL, la produzione lattea cessa (e la tetta non esplode!). quando poi la tetta viene svuotata, questo ormone se ne va e le ghiandole mammarie -non essendo più inibite- ricominciano a produrre latte. non è geniale!? siamo davvero macchine perfette.

poi ci sono alcuni casi in cui la produzione del latte ha bisogno di un piccolo boost, per esempio nel caso di mamme che tirano il latte per il lavoro o, soprattutto, nel caso di mamme che allattano bambini adottati.

cooosaaa bambini ADOTTATI? oh yes, vi giuro che si può' fare. io ne conosco ben due di mamme che hanno allattato i loro neonati adottati. per allattare un pupino che non si è partorito bisogna comunque prepararsi un po', sapere quando è prevista la nascita (beh, ovvio, si possono allattare solo i bambini che si prendono APPENA nati. in alcuni paesi come gli stati unito o, per esempio, tahiti, si può' ) e nelle settimane che la precedono bisogna tirare regolarmente il "latte" con un tiralatte e, in alcuni casi,  prendre le gocce di Domperidone


alla base il Domperidone è una medicina per il vomito e per lo stomaco abbastanza innoqua e che ha come "effetto indesiderato" quello di aumentare la prolattina: http://it.wikipedia.org/wi​ki/Domperidone

sul sito de la leche league si puo' leggere: http://www.lllitalia.org/index.php?option=com_content&task=view&id=152&Itemid=36 

e voi come avete vissuto la vostra produzione lattea? con lo stress di non farcela o con la sicurezza di chi sa che il suo corpo ce la puo fare? o un po' tutte e due? :-)

questa foto l'ho presa qui.



*informazione che ho preso dal libro "Un dono per tutta la vita. Guida all'allattamento materno (Il bambino naturale)" -del mitico Gonzàlez- che, insieme a "L'arte dell'allattamento materno" edito da La Leche League costituisce una bibbia per le mamme allattanti. quello di Gonzàlez però, oltre ad essere una mina d'informazioni è anche super ironico e divertente. ma l'avevo già detto mi pare. chissà...)

5 commentaires:

pandora a dit…

...mi ripeterò fino allo sfinimento ma è grazie a te che ho scoperto il mitico Gonzàlez :) questo libro sull'allattamento non l'ho letto ma appena ne avrò l'occasione me lo procurerò perchè "Bésame mucho" è rimasto nel mio cuore e lo considero IL LIBRO...comunque...io ho vissuto benissimo la mia produzione lattea! nonostante il parto cesareo la mia montata è arrivata presto e abbondante, sono risultata una perfetta macchina da latte e la mia pupetta una divoratrice soddisfatta! tutto liscio e molto amoroso...2 anni meravigliosi, sigh!

nicoz a dit…

sii' mitico!

e w i due anni d lattuccio^^

elisa a dit…

Per quanto riguarda la mia prima esperienza è stato un disastro perchè avendo partorito prematuramente, non avevo latte anche se provavo a tirarlo col tiralatte tenacemente. Alla seconda esperienza poichè volevo allattare ad ogni costo, ci sono riuscita con successo per i primi 6 mesi. Gli incontri a cui ho partecipato della Leche League mi hanno aiutato tantissimo ed anche i libri che ho comprato da loro, tra cui li libro Bibbia sull'arte dell'allattamento materno. Mi manca il libro di Gonzales ma me lo procurerò presto! Poi però il latte è diminuito sempre più, complice l'aver iniziato lo svezzamento e aver incominciato a lavorare. Ho dovuto ricorrere mio malgrado al latte artificiale anche perchè il mio bimbo è molto vorace. Ora gli riservo la tetta la sera o la notte ma più per coccola che per nutrimento. Sigh:)

herbivorsconfessions a dit…

quello di gonzalez è lo stesso libro che ha comprato anche mia sorella quando era incinta del primo figlio. Lei se ne è innamorata e, di tanto in tanto, lo cita!

rossella a dit…

la mia piccola ha solo 50 giorni ed io non ho più latte, che se ne andato dall'oggi al domani.
effettivamente non ho dato fiducia alle mie tette.
ho avuto sensi di colpa perchè al ritorno a casa l'ho affamata.
al primo controllo in ospedale dopo 15 giorni aveva perso altri 70 gr e l'ittero era aumentato.
inoltre succhiava solo con i paracapezzoli......
che dire per me l'allattamento è stato un fallimento e fonte di disagio
e penso: e se non ci fosse stato il latte artificiale?

questo messaggio è per te che non commenti MAI:


amatissim@ lurker, potresti ogni tanto lasciare un commentino cosi' da non farmi sentire proprio sola & derelitta in questa landa desolata che è internet?
(ringrazio di cuore tutti quelli che gi à i commenti li lasciano, grazie per far si che questo blog non si trasformi in un tumblelog)

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...